Azzardo... Non è un gioco

 

 

 

Il gioco è d’azzardo quando possiede le seguenti caratteristiche:

  • si scommette denaro o un oggetto di valore
  • la scommessa è irreversibile (cioè una volta fatta la puntata non è più possibile ritirarla)
  • il risultato del gioco dipende principalmente dalla fortuna ovvero dal caso

Se vuoi approfondire:

I giochi d'azzardo sono moto diffusi. Da sempre le persone tentano la fortuna: alcuni giochi come la roulette, le scommesse sportive o le macchinette automatiche, da tempo sono saldamente ancorate nella nostra cultura, altre si sono aggiunte negli ultimi anni. Nel gioco si cercano la suspense, l'eccitazione e il divertimento. E' l'attrattiva della possibile vincita a rendere i giochi d'azzardo così affascinanti. La maggior parte delle persone ha nei confronti di queste attrazioni, un attaggiamento responsabile, ma i giochi d'azzardo possono anche trasformarsi in un rischio. Alcuni non riescono più a smettere di giocare e si sviluppa un desiderio irresistibile di continuare a giocare, nella speranza di vincere o di riguadagnare i soldi spesi. Un giocatore descrive così questa esperienza: "una volta che comincio a giocare smetto solo quando non ho più soldi. Se vinco continuo a giocare per vincere ancora di più; se perdo, devo continuare a giocare, per rivincere i soldi persi".
Se il gioco d'azzardo diventa una mania, ha conseguenze pesanti non solo per chi ne è colpito, ma anche per i suoi cari. Oltre ai riflessi negativi sulle relazioni, che spesso si basano su scuse e menzogne, sono sopratutto le difficoltà finanziarie a pesare: i debiti portano a continue discussioni con i creditori, le banche e i padroni di casa e spingono anche i parentiai limiti delle proprie forze.